Imposta Biellacitta come Pagina Iniziale - Set Biellacitta as Home page Aggiungi Biellacitta ai tuoi Preferiti   biella it          
  biella          
 
Home Biella
Forum Biella
Chat Biella
Link Biella
Web Design Biella
Pubblicità Biella
Collabora
Faq
Guida Portale Biella
Contatta Biellacitta.com
 
Speciali Biella
tessile biella
webmaster biella
oropa
informatica biella
biella lavoro
immobiliare biella
cucina biellese
Game Central biella
salute e benessere
From World biella
Che tipo di connessione usi ?
14.4
28.8 - 33.6
56
64 Isdn 1 lin.
128 Isdn 2 lin.
adsl 256
adsl 640
superiore
 
   
web cam oropa

OROPA

cartina biella
 
ARTICOLI FAQ GUIDA FORUM COLLABORA
In collaborazione con :

UN PO' DI STORIA

Autore: Biellacitta




Il complesso è articolato su tre piazzali a terrazza ed è imperniato su due grandi luoghi di culto: la basilica Antica, realizzata all’inizio del XVII secolo, e la Chiesa Nuova. Completano la struttura monumentali edifici, chiostri e la solenne scalinata che conduce alla porta regia.

L’atrio della scalinata è rivestito da lapidi che celebrano le visite compiute da personaggi illustri come quella di Guglielmo Marconi del 1894 che concepì proprio ad Oropa l’invenzione del telegrafo senza fili.

Al di fuori delle mura del luogo di culto spicca il suggestivo Sacro Monte di Oropa formato da diciannove cappelle. Edificato nel 1871, svetta l’imponente cimitero, ricco di rilevanti mausolei, tra cui quello a forma di piramide dello statista Quintino Sella.

Il Santuario sorge a circa 1200 metri di altezza, nella valle che da Biella, provincia piemontese, sale ai monti verso la Valle d’Aosta

Tra la fine del Cinquecento e gli inizi del secolo successivo, nella zona alpina del territorio biellese si progettano e si edificano alcuni “monti sacri”.

Il Monte Sacro di Oropa è articolato in una serie di diciannove cappelle, dove sono raffigurati alcuni misteri della fede cattolica , attraverso affreschi e statue.

In parte (12) sorgono sulla collina che divide il santuario dalla valle del rio del Canal Secco, in parte (7) sparse un po’ ovunque.

Le dodici, raggruppate in collina, sono tutte successive al 1620 e furono donate al Santuario da vari comuni biellesi.

La strutturazione dei sacri monti è condotta secondo gli schemi e i modelli desunti dal teatro popolare. Le cappelle ad aula unica tendono a porsi come sostituti perenni delle sacre rappresentazioni popolari di tradizione medioevale. Queste spettacolari scene fisse erano composte da affreschi, che avevano la funzione scenica di fondale, e da sculture lignee con funzione di veri e propri attori.

Ad Oropa, Santuario e Sacro Monte coesistono anche se il Santuario ha preso, sia architettonicamente che religiosamente, il sopravvento sulla struttura del sacro monte vero e proprio. Non è però pensabile, soprattutto sotto il profilo della critica storica considerare separabili i due argomenti, essendo le vicende dell’uno strettamente e indissolubilmente legate a quelle dell’altro, e neppure è possibile distinguerli anche in una semplice individuazione ambientale, facendo parte entrambi di un complesso paesistico e territoriale non casuale, ma così voluto e trasformato dall’uomo nel tempo.

Il Sacro Monte d’Oropa è dunque incentrato sul nucleo del famoso Santuario, nel quale viene venerata l’altrettanto celebre statua lignea della Madonna Nera, trovata per tradizione da Sant’Eusebio sotto le macerie di Gerusalemme e quindi nascosta ad Oropa nella nicchia di un masso erratico vicino a cui sorse in seguito la Cappella del Roc dove fu ritrovata dai pastori.



Dal momento che l’affluenza dei devoti al sacello della Madonna Nera era elevatissima fin dal XIII secolo, si decise di costruire, vicino al sacello, una chiesa di dimensioni più capaci che in seguito nel 1559, per ringraziamento dell’intercessione della Vergine durante le pestilenze che avevano colpito il Biellese nei secoli precedenti, il vescovo di Vercelli Giovanni Stefano Ferrero ristrutturò e ampliò.

I lavori di ristrutturazione e ampliamento della Chiesa di Oropa, avviati allo scadere de XVI secolo, vennero favoriti dalla corte torinese, che dal Seicento sino all’Ottocento sostennero e finanziarono largamente il cantiere di Oropa, incaricando direttamente della progettazione degli edifici anche numerosi architetti ducali.

La basilica di Oropa fu conclusa a metà del XVII secolo.

Dal primitivo sacello all’imponente Chiesa nuova ai piedi delle montagne, consacrata nel 1960, lo sviluppo edilizio ed architettonico è stato grandioso. Vi contribuirono prestigiosi architetti come Filippo Juvarra, Guarino Guarini, Pietro Beltramo ed altri.

La statua della Vergine bruna è conservata nel sacello oropense, e appartiene iconograficamente alla tipologia delle cosiddette Black Virgins. Il volto della Vergine come del bambino è nero, questa particolarità iconografica si riscontra in una vasta area europea (Francia, Spagna e Germania) e per un arco di tempo che va dal XII secolo al Trecento inoltrato.

La Statua della Madonna Nera misura m. 1,32 di altezza ed è in legno Cirmolo (pianta resinosa).

A Oropa la Madonna Nera, contrariamente a quanto si riscontra nella Vergini nere del periodo romanico ( raffigurate sedute in trono a simboleggiare la Sedes Sapientiae), viene presentata in piedi con il Bambino seduto sul braccio sinistro , a sua volta benedicente (con la mano destra) e con l’uccellino (simbolo della Passione), nella mano sinistra. Stilisticamente questa statua è stata, in via ipotetica, riferita all’area aostana intorno al 1295.

I lavori di costruzione della Chiesa Nuova iniziarono nel 1885 su progetto del Galletti presentato nel 1774.

La costruzione della chiesa fu studiata per più di un secolo da numerosi architetti famosi quali: Francesco Gallo, Bernardo Antonio Vittone, Ignazio Galletti, Amedeo Stratta, Enrico Terzaghi ed il famoso Alessandro Antonelli.

L'interno della Chiesa Nuova si presenta formato da due zone: una ottagonale sormontata da cupola, sostenuta da colonne che fiancheggiano le sei cappelle laterali; una rotonda, contenente l’altare, sormontata da cupolino.

Di particolare interesse sono le tre porte di ingresso della basilica inaugurate nel settembre 1965. Pregevoli opere di scultura in bronzo raffigurano i principali avvenimenti della storia del Santuario dalle origini al XX secolo.

 
 

Copyright © 2000-02 biellacitta.com - Tutti i diritti sono riservati / All rights reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale -Risoluzione ottimale 1024 x 768
Attenzione : Tutto il sito è stato progettato e realizzato da Biellacitta.com
NON è stato utilizzato nessun prodotto Nuke e affini
MTB Biellese Biellaonline
Casaliggi Webstyler
...vuoi il tuo link qui ?
Shoutbox attualmente disabilitato a causa del continuo spam. Stiamo aggiornando versione :-)
  @biellacitta.zzn.com
 
IN FASE DI COMPLETAMENTO
IN FASE DI COMPLETAMENTO